O.R.S. Carla Bozulich’s Bloody Claws

Sto caricando la mappa ....

Date / Time
23/09/2016 / 21:30 - 23:55

Location
Superbudda - Via Valprato, 68 Torino


In collaborazione con O.F.F. Booking & Management, Superbudda presenta l’Open Recording Session di Carla Bozulich. Un’artista surrealista, dalle sonorità allucinate accompagnate da una voce inquieta che si fa stridente e avvolgente, graffiante e disperata quanto suadente e sensuale, frutto di una vita vissuta in tutte le sue sfaccettature.

Bloody Claws è la sigla dietro alla quale si cela Carla Bozulich e chiunque si trovi sul palco con lei in quel momento; raro tour solista dell’artista alla quale si affiancheranno di volta in volta amici ed ospiti. Nella data torinese verrà affiancata da Fabrizio Modonese Palumbo; artista e musicista che negli ultimi anni ha avviato una collaborazione con il collettivo Superbudda.

Se mai fosse possibile parlare di un’eroina musicale contemporanea, Carla Bozulich ambirebbe di diritto allo scomodo trono. Operativa nell’ultimo decennio con la sigla Evangelista – dopo una carriera spesa a fronte dei temibili industrial-rockers di Los Angeles, Ethyl Meatplow, e dei ben più noti alternative-country rockers Geraldine Fibbers (con quel fenomeno di Nels Cline alla chitarra) – la nostra ha rifinito i confini tra canzone d’autore, poesia urbana e musica d’avanguardia. Carla vive una seconda giovinezza artistica da quando nel 2006, all’epoca unica musicista non canadese, è stata accolta in casa Constellation, cult-label di Montreal su cui pubblicano tra gli altri i redivivi Godspeed You! Black Emperor. Il titolo del suo primo album solista, Evangelista, è diventato nel 2007 il nome del progetto stesso. Del 2014 il suo più recente album di studio Boy al quale hanno fatto seguito la ristampa della sua riedizione del classico di Willie Nelson, Red Headed Stranger ed  il live album  19.4.15 con Don The Tiger in attesa del nuovo imminente Quieter.
I suoi live sono esperienze indimenticabili dall’alto tasso emotivo in cui si rompono i confini tra artista e pubblico in nome di un irresistibile moto di trasformazione interiore.